Hermès special sale

Hermès Special Sale

tipologia: showroom, vending

da Il Foglio:

Hermès, benchmark di ogni lusso possibile per ogni concorrente e in pratica per chiunque, notoriamente non pratica sconti, tantomeno organizza svendite; aprite qualunque manuale di marketing dei beni di lusso e lo troverete scritto a chiare lettere: il lusso non svende e il suo marchio di riferimento, che risiede in Faubourg Saint Honoré a Parigi, di questa strategia ha fatto una religione a cui chiunque, appena può permetterselo, aderisce. Zero sconti da Bottega Veneta, niente svendite da Gucci dal momento dell’arrivo di Marco Bizzarri sulla poltrona di ceo e della riqualificazione del marchio, eccetera eccetera, sostanzialmente per tutti o quasi. Tutto inconfutabile. Tranne una volta all’anno, in una sola città del mondo a turno, dove quello che si è sbirciato nelle vetrine molto giocose e colorate di Hermès, pelletteria esclusa si intende e soprattutto la Birkin, l’unica borsa a cui siano stati dedicati dei romanzi e nemmeno mal scritti, viene messo in vendita con uno sconto medio del 60-70 per cento.

Quest’anno, dopo un tempo che qualcuno calcola in un decennio, è toccato a Milano, la città che come New York non dorme mai ma perché deve comprare moda e tutto sommato è bello vedere che continui a farlo, e Roma alle Officine Farneto.

Carré, cravatte, oggetti per la casa, abbigliamento, calzature e le coperte di alpaca, cashmere e merino alte due dita. L’inaccessibile (quasi) accessibile perfino in tempi di Covid che, infatti, credevamo avrebbe limitato l’assalto. Ci sbagliavamo. Hermès batte Covid 2 a 0, e questo nonostante il numero chiuso, la prenotazione obbligatoria, la misurazione della temperatura e la disinfezione, l’ingresso scaglionato, le doppie mascherine di quasi tutti, la falange di guardie nerovestite, le corsie delimitate da nastri e divisori come negli aeroporti, il limite imposto di quattro pezzi per tipologia per evitare l’accaparramento e soprattutto la proibizione assoluta di scattare fotografie, e questo non perché il set non fosse stato studiato al millimetro, cassettiere di lacca e venditrici con felpina arancio, poco trucco e capelli raccolti comprese, ma per evitare che gli oggetti fossero smerciati in qualche modo al di fuori del percorso e dei nomi stabiliti.

Il tour attraverso l’innovazione di Acea affronta i temi dell’innovazione per la transizione ecologica e per una gestione sempre più efficiente dei servizi primari....
Dopo 1 anno di selezione e ricerca di abbigliamento primaverile edestivo in giro per il mondo ed una grande prima edizione, si aprono a Roma le porte del più grande kilo sale d'Europa...
Superlusso made in Britain: svelata la nuova Rolls-Royce Black Badge Ghost. Un marchio nel marchio, con modelli super esclusivi, di un lusso all’ennesima potenza Dopo gli shooting per la presentazione della Rolls Royce New Ghost di...
il lusso non svende e il suo marchio di riferimento, che risiede in Faubourg Saint Honoré a Parigi, di questa strategia ha fatto una religione a cui chiunque, appena può permetterselo, aderisce...